Sono già passati cinque mesi dall’inizio di questo “indimenticabile” 2021. La primavera è arrivata da un pezzo, ma molti di noi – un po’ per il clima un po’ per le restrizioni – iniziano a rendersene conto solo ora. Intanto il mondo è andato avanti, sono successe diverse cose e anche il web ci ha regalato qualche gioia.

Tra le chicche più interessanti trovate in rete negli ultimi due mesi, questa volta abbiamo inserito anche una doverosa menzione speciale che siamo sicuri vi piacerà. Pronti per questa nuova lista? Iniziamo!

Google EarthTimelaps: un mondo che cambia davanti ai nostri occhi.

Google Earth riesce sempre a sorprenderci. Poter guardare il mondo dall’alto ed esplorare le più grandi città del pianeta non era abbastanza per l’azienda di Mountain View, per questo hanno pensato di aggiungere una nuova funzionalità: con Google EarthTimelaps possiamo osservare la trasformazione della Terra negli ultimi 37 anni. Serve aggiungere altro?

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto

Packaging: le illustrazioni, quelle che ci piacciono.

Le illustrazioni abbinate ai packaging ci entusiasmano sempre. Soprattutto se a realizzarle sono artisti di alto livello, come quelli scelti da Barilla e San Carlo per le loro limited edition. Guardate qua che spettacolo!

Campagna ARCD: “Don’t unlock tragedy”

Inutile dire quanto siano aumentati, negli ultimi anni, gli incidenti stradali dovuti all’uso di cellulari alla guida. Per sensibilizzare la popolazione riguardo a questa tematica, l’ARCD (un club automobilistico tedesco) si è affidato alla McCann di Francoforte. E il risultato è questo. Niente male, vero?

La nostalgia spiegata da Annamaria Testa.

“Nostalgia canaglia” cantavano Al Bano e Romina Power qualche tempo fa. Sarà vero? A volte sì, a volte no. Ciò che è sicuro è che in questi ultimi anni la nostalgia è diventata l’emozione su cui forse si investe di più: nel cinema, con remake su remake (basti pensare a Jurassic Park e Terminator), nella musica, con il rispolvero di un sound che ricorda vagamente gli Anni ’80, nella moda, nel cibo e, ovviamente, anche nella pubblicità. A cosa è dovuto questo fenomeno? Ce lo spiega Annamaria Testa in “Tutti presi dalla nostalgia”, un illuminante articolo pubblicato su Internazionale. (con il link cliccabile nel titolo). Merita una lettura!

Menzione speciale

Esibizioni contro la censura: la classifica di Rolling Stones.

Siamo sicuri che tutti voi abbiate seguito il “Caso Fedez” con molta attenzione. Non ci soffermeremo sulla questione, di cui si è già ampiamente discusso, vogliamo solo segnalarvi un’interessante lista di casi simili successi nel corso degli ultimi 30 anni: “Prima di Fedez: tutti i casini scoppiati al concertone del Primo Maggio”. Fidatevi, c’è da divertirsi!

PS: è un articolo di maggio e non di marzo o aprile. Ma tra un mese, probabilmente, non avrete più voglia di sentirne parlare. Quindi tanto valeva mostravelo ora, no?

E a voi cosa ha colpito negli ultimi due mesi? Scrivetecelo nei commenti! Per tutto il resto ci trovate su Facebook, Instagram e LinkedIn.